(Dell’importanza di avere maestri e di essere allievi)

Uno degli aspetti che identificano e caratterizzano il percorso de L’Ora è di avere fatto scuola. In una doppia accezione: il quotidiano seppe essere infatti un punto di riferimento nella lettura e nell’interpretazione della contemporaneità, e non soltanto sul fronte della lotta alla mafia. Inchieste, approfondimenti, analisi erano un territorio costantemente frequentato, che si parlasse di divorzio o della vita nei quartieri periferici.
C’era però un altro aspetto non meno cruciale del “fare scuola”. La redazione lo era, una scuola: c’erano maestri (e quali!) e allievi disposti a ogni sacrificio pur di imparare una professione in cui il talento e la preparazione non bastavano. Non dovevano e non potevano bastare: erano necessarie anche robuste dosi di tenacia e di umiltà. Perché di apprendistato si trattava, in un “laboratorio di artigianato pregiato”, come scrive bene Marcello Sorgi. E per imparare a essere artigiani occorre innanzi tutto il tempo di accumulare esperienze, delusioni, piccoli successi, conti in rosso, viaggi in treno, niente di fatto, lacrime e rabbia. Occorre anche il tempo per riconoscersi allievo e per riconoscere un maestro. Sono posizioni difficili entrambe e nel caso del giornalismo ancora di più: il terreno su cui ci si muove è fatto di scrittura, ma anche di sensibilità e di capacità di leggere ogni cosa in un  contesto insieme locale e globale. Questo seppero insegnare i cronisti-maestri de L’Ora: con una selezione a volte spietata, ma (i fatti lo hanno dimostrato) indispensabile nella formazione di nuove generazioni di giornalisti, pronte a loro volta a passare il testimone. Giornalisti che formavano altri giornalisti.
Anche in questo il quotidiano fece scuola, nel vero senso dei termini, tanto che non è difficile individuare – umanamente e professionalmente – chi fra quei “banchi” si è formato.
Oggi le parole “allievo” e “maestro” sembrano in via di estinzione. Essere allievo è soprattutto un atto di intelligenza e di “abbandono critico” nei confronti di un maestro; un modus operandi che fa a pugni con il tutto-e-subito a cui la rapidità della produzione e del consumo delle notizie ci ha abituati. Essere social è un modo più rapido per acquisire visibilità, un copia-e-incolla accorcia (quando non azzera) i tempi di lavorazione e di riflessione. Fioriscono comunicatori fieri di non avere avuto un maestro, di non essersi sottoposti ad alcun apprendistato di laboratorio, all’autorità e al giudizio alcuno.
E i maestri? Sono quelli che si mettono di santa pazienza a correggere anche cento volte un titolo; che dopo una colossale sfuriata sanno rimettere in sella e che gioiscono quando l’apprendista cresce. Quelli che allevano, appunto, che hanno statura e cultura per farlo. Anche se non ci sono tornaconti: perché è giusto così, perché qualcuno, prima, lo ha fatto con loro.

 


Leggi anche:

Il giornale L’Ora, alle origini del mito di Antonino Giuffrida

L’Ora, edizione straordinaria. Storia di un grande giornale raccontato dai suoi cronisti di Annalisa La Barbera

Il destino dell’opposizione nella Sicilia bella e dannata di Franco Nicastro

Lascia un commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.