Le patate sono un alimento universale. Lessate, al forno, purè, gratinate, sotto forma di gnocchi o gâteau, ma soprattutto fritte.

Le patate, origine e storia degli ortaggi più utilizzati in cucina

Grazie al rapporto favorevole tra il basso costo di produzione e l’alto valore nutritivo, hanno rappresentato per secoli la base delle diete contadine e del cibo disponibile alle classi meno abbienti della popolazione.

Originarie della cordigliera Andina, sono una coltivazione altamente adattabile a diversi ambienti e per questo facilmente esportabile.

I conquistadores e le patate

Portata in Europa dai conquistadores, si diffuse principalmente in Spagna e Paesi Bassi come cibo per il bestiame. Fu con le carestie che nel 1700 la patata iniziò a soppiantare i cerali. Usata inizialmente per le razioni militari o come cibo per i galeotti, divenne un alimento prelibato solo un secolo dopo.

Oggi le patate sono il piatto d’accompagnamento principale della cucina irlandese e la versione fritta rappresenta lo street food tipico di Belgio e Olanda (esportato in quasi tutti i paesi del mondo grazie alla globalizzazione del fast food).

>> Leggi anche: Il nuovo volto dello street food: rapido, conviviale e informale

Con la Cina e l’India come maggiori produttori mondiali, le patate (nelle molte varianti esistenti) grazie alla capacità di assimilare i sapori degli altri cibi, rappresentano un ingrediente utilizzato universalmente sia nella preparazione di piatti complessi che come guarnizione per le carni.

 

Lascia un commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.