Home Cultura e tradizioni Breve storia dell’inchiostro – Parte Quinta

Breve storia dell’inchiostro – Parte Quinta

408
0

L’esperienza araba

Inchiostro arabo

Le formule per preparare l’inchiostro rivestono nel mondo dei calligrafi arabi un ruolo molto importante. Escludendo l’uso del nero di seppia, per il quale non esistono fonti, gli inchiostri arabi possono essere di tre tipi: quello al carbone, detto midād ricavato dal nerofumo delle lampade (Gacek 2001. 133), quello metallo-gallico basato sulla miscela di tannino con un sale metallico, chiamato ḥibr (Déroche e Sagaria Rossi 2012, 120-124; ), e un terzo misto ottenuto unendo due tipi precedenti.

Gli inchiostri al carbonio

Per gli inchiostri al carbonio, molto spesso erano impiegate sostanze vegetali: le fonti citano senza un ordine specifico la farina di frumento, il legno di abete, la zucca, i datteri, le noci, l’olio ricavato da diverse piante (Déroche e Sagaria Rossi 2012, 82-83). La trasformazione di sostanze organiche o minerali in carbone, seguiva procedimenti più o meno raffinati; a volte si trattava di semplice carbonizzazione in cui i residui erano raccolti e ridotti in polvere per azione meccanica. Spesso la materia era setacciata per ottenere un prodotto più fine; sotto questo punto di vista la vaporizzazione raggiungeva risultati ancora più soddisfacenti: un oggetto, per esempio una coppetta posta sopra un fuoco, raccoglieva il nerofumo che la combustione di una materia ricca di carbonio sprigionava; sistema simile era in uso presso i Cinesi, i Coreani e i Giapponesi. A Costantinopoli si suole raccontare che il deposito che si accumulava sulle lampade delle moschee fosse utilizzato per farne inchiostro. Come legante la gomma arabica era l’ingrediente più diffuso, ma in una ricetta di presunta origine indiana Ibn Bādīs segnala il bianco d’uovo.

Inchiostri metallo-gallici

Le ricette per la preparazione dell’inchiostro metallo-gallico sono conosciute sin dall’antichità. Esse si basano sulla reazione chimica tra le due componenti che le contraddistinguono: il tannino e il sale di rame o di ferro. Il tannino è estratto dalla noce di galla (in arabo ‘afṣ) o cecidio, escrescenza sviluppata da foglie e rami di alcune specie di quercia come reazioni a punture d’insetti che depositano così le uova; la foglia forma allora un cuscinetto che, secondo gli autori, è tanto più ricco di acido tannico quanto più la larva è penetrata nell’involucro senza perforarlo. Le fonti arabo-islamiche menzionano altri vegetali stimati per il loro elevato tenore di tannino, tra i quali si trovano il mirabolano, la scorza di melograno, un decotto di mirto fresco. Il sale metallico è generalmente un vetriolo, composto di un solfato ferroso di colore verde o di rame tendente al blu (Déroche e Sagaria Rossi 2012, 83-84). Ricette che riflettono forse pratiche persiane, riportano un allume come il solfato doppio di potassio e di alluminio. Gli inchiostri metallo-gallici possono corrodere il supporto; infatti non è raro trovare dei manoscritti la cui carta è stata corrosa dall’inchiostro. Zerdoun Bat-Yehouda (1983, 327-243) fornisce numerose ricette provenienti dall’Africa del nord. Tra tutte, se ne cita una a scopo esemplificativo (Chabbou, 1995, 59-76):

noce di galla (arabo: ′afṣ‛): una parte;

vetriolo: un quarto di parte;

gomma arabica: una parte;

acqua: tre parti.

Inchiostri misti

Molte ricette trasmesse dalle fonti sono miste e includono tutti gli ingredienti di un tipo d’inchiostro integrandoli con uno o più elementi dell’altro gruppo. In tal modo si aggiunge nerofumo a preparazioni metallo-galliche, con lo scopo di rendere più durevole quel nero caratteristico di una varietà che tende ad alterarsi. Secondo una fonte persiana del XVI secolo l’introduzione di queste composizioni sarebbero legate al nome di Ibn Muqlah (Déroche e Sagaraia Rossi 2012, 84-85).

Inchiostri colorati

Nei manoscritti islamici è frequente l’uso del rosso per i titoli, ma era usato anche l’inchiostro dorato per scrivere l’inizio della prima sura del Corano, in forma di rispetto. Nel Medioevo i codici più pregiati recavano i capilettera filigranati o miniati con vivaci colori (blu, rosso, verde, ecc.) ottenuti da sostanze differenti nelle diverse epoche. L’uso degli inchiostri colorati, ereditato dall’antichità, è un elemento costante nel mondo arabo-islamico, come testimoniato nei primi secoli dell’Égira. In copie paleograficamente databili al VII secolo, l’inizio delle sure è indicato in rosso; in rosso sono anche i primi sistemi di vocalizzazione, perfezionati poi con punti verdi e gialli. Insieme al rosso, i copisti e miniatori molto presto e in maniera variabile ricorrevano anche all’oro e all’argento, benché motivi giuridici inerenti l’Islàm abbiano talora messo in discussione l’impiego di queste materie preziose. Il settimo capitolo dell’opera di Ibn Bādīs è dedicato alla scrittura con oro, argento, rame, stagno e loro sostituti. Per l’oro vi sono descritte preparazioni a base di oro polverizzato unito ad aceto o con allume o con mercurio e gomma arabica; oppure è indicata una miscela di zolfo giallo, allume, cera, arsenico, zafferano. Per l’argento è indicato il metallo liquefatto unito al mercurio e a gomma arabica o l’argento polverizzato e gomma arabica, oppure lo stagno bianco con mercurio, gomma arabica e gomma adragante (Déroche e Sagaria Rossi 2012, 85-88).

Lacca

La lacca, originariamente utilizzata in Cina, fu impiegata anche in Iran Turchia e India dal XV al XIX secolo. Vi sono rari esempi di lacca applicata al cuoio, mentre usualmente era utilizzata sul cartone e specialmente nel tardo periodo, sulla carta decorata. Molte delle testimonianze che ci sono prevenute, provengono dal periodo Qajar, dinastia che governò in Persia dal 1781 al 1925 (Gacek 2012 138-139).


 

Opere citate

Allen, James P. 2013. The Ancient Egyptian Language. An Historical Study. Cambridge: Cambridge University Press.

Bloy, C.H. 1967. A History of Printing Ink Balls and Rollers, 1440-1850. Evelyn Adams & Mackay Limited.

Chabbou, I. 1995. “Two New Sorces on Mixing Ink”. In: The Codicology of Islamic Manuscripts. London: Al-Furqan Islamic Heritage Foundation, 59-76.

Déroche, Françoise e Valentina Sagaria Rossi. 2012. I manoscritti in caratteri arabi. Roma: Viella.

Gacek, Adam. 2001. The Arabic Manuscript Tradition: a Glossary of Techical Terms and Bibliography. Leiden: Brill.

Gacek, Adam. 2012. Arabic Manuscript. A Vademecum for Readers. Leiden: Brill.

Minje Byenng-sen Park. 2002. Histoire de l’imprimerie coréene, des origines à 1910. Paris: Maisonneuve & Larose.

Moxon, Joseph. 1962. Mechanick exercise on the whole art of printing (1683-1684). Edited by H. Davies and H. Carter. 2. ed. London: Oxford University Press.

Posener, Georges. 1951. “Sur l’emploi de l’encre rouge dans les manuscrits égyptiens”. In The Journal of Egyptian Archaeology, 37: 75-80.

Ray, P. (edited by). 2014. History of Chemistry in Ancient and Medieval India. Varanasi: Chowkhamba Krishnadas Academy.

Ruggiero, D. 2002. “Gli inchiostri antichi per scrivere”. In: Chimica e biologia applicate alla conservazione degli archivi. Roma: Ministero per i beni e le attività culturali, Direzione generale per gli archivi.

Shivaganesha Murthy, R.S. 1996. Introduction to Manuscriptology. Dheli: Sharada Publishing House.

Sircar, D.V. 1965. Indian Epigraphy. Delhi: Motilal Banarsidass.

Singh, R.S. 1993. Conservation of Documents in Libraries, Archives and Museum. New Dheli: Aditya Prakashan.

Sirat, Colette. 2002. Hebrew Manuscript of the Middle Ages. Ed. and transl. N. de Lange. Cambridge: Cambridge University Press.

Steinberg S.H. Cinque secoli di stampa. Terza edizione. Torino: Einaudi, 1962.

Tsien Tsuen-Hsuin. 1987. “Paper and printing.” In Joseph Needham. Science and Civilisation in China, v. 5, pt. I: Paper and printing. Cambridge: Cambridge University Press.

Tsien Tsuen-Hsuin. 2004. Written on Bamboo & Silk. 2. ed. Chicago: Chicago University Press.

Zerdoun Bat-Yehouda, Monique. 1983. Les encres noires au Moyen Âge (jusqu’à 1600). Paris: Édition du CNRS.

Lascia un commento
Articolo precedenteI Frammenti di Palermo University Press, in uscita con il Giornale di Sicilia
Articolo successivoAlessandro Tasca Filangieri: storia di un siciliano “eccessivo”
Carlo Pastena
Negli ultimi vent’anni ha lavorato presso la Biblioteca centrale della Regione siciliana ricoprendo numerosi incarichi, tra cui quello di Direttore della Biblioteca dal 2001 al 2003. Nel corso degli ultimi anni ha pubblicato numerosi studi su diversi argomenti: Bibliografia (Libri editori e tipografi a Palermo nel XV e XVI secolo, Palermo, 1995); Catalogazione (Proposta per una gerarchia delle fonti. Autore personale, Palermo, 1991); Conservazione (Note di conservazione negli archivi e nelle biblioteche, Palermo, 2009); Storia della scrittura (Introduzione alla storia della scrittura, dal protosumero ai giorni nostri, Palermo, 2009; Storia dei materiali scrittori, dalle origini alla carta di stracci, Catania, 2009, ecc. Insieme ad A.M. Guccia ha inoltre pubblicato una Introduzione al mondo e alla cultura ebraica, e una Introduzione alla storia e cultura dell’antico Egitto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.