L’esigenza di ripartire, il coraggio e i sogni infranti

Ricostruire, riannodare i fili tranciati è un imperativo categorico che condiziona l’agire di noi umani. Che, rinchiusi per mesi dentro i gusci delle nostre abitazioni,  siamo stati costretti filtrare i rapporti sociali  attraverso gli schermi degli elaboratori e dei telefonini. La rete sociale e di interazione che ci collega con la realtà con la quale interagiamo è stata strappata dall’impatto violento e improvviso con un virus che come, uno squalo dentro una tonnara, ha fatto uno sconquasso. Riparare queste lacerazioni non è facile: richiede pazienza e abilità nel lanciare la spoletta e ricostruire la trama della rete.
L’Identità di Clio ha seguito con attenzione in questi mesi le incursioni (meglio: le devastazioni) provocate dal Coronavirus nel nostro quotidiano. E ora sta cercando di leggere anche la “ripartenza” focalizzando l’attenzione sulle realtà spesso trascurate quali le case editrici, il teatro delle marionette e i protagonisti del mondo dello spettacolo. Testimonianze di sofferenze, di sogni infranti,  ma anche di ferrea volontà di ripartire e di ricostruire la rete relazionale squarciata.
Una riflessione che ci ha spinto non solo a questo speciale ma anche a dedicare il prossimo supplemento mensile dei  “I cassetti di Clio”, che uscirà nel mese di luglio, a un’analisi articolata sui temi filosofici, storici ed economici che sono strettamente connessi con questa realtà.

Innovazione e competitività sono parole o obiettivi strategici della ripartenza?

Cercheremo di riflettere su questi temi. Intanto vi auguriamo un buona lettura.

Lascia un commento
Articolo precedenteInvisibili ma indispensabili: in Italia fare l’artista non è considerato un mestiere
Articolo successivoSimmetrie fra Matematica e Musica
Ninni Giuffrida
Professore associato di Storia Moderna presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli studi di palermo. La sua attività scientifica ha affrontato diverse tematiche di storia economica, politica e sociale che caratterizzano la proiezione mediterranea ed europea della Sicilia tra il XV e il XX secolo. Fra essi si segnalano i risultati di una indagine su la storia della finanza pubblica siciliana e su l’evoluzione e il funzionamento delle reti del credito. È autore di oltre 100 pubblicazioni in riviste scientifiche e di settore, tra le quali si segnalano: Considerazioni sul consumo della carne a Palermo nei secoli XIV e XV (Roma,1975); Grano contro Ebrei. Un'ipotesi per il riequilibrio della bilancia commerciale siciliana al momento dell'esodo (1492) (Palermo, 2006); Monografie: La Sicilia e l'Ordine di Malta (1529-1550) La centralità della periferia mediterranea (Palermo, 2006); La finanza pubblica nella Sicilia del ‘500 (Caltanisetta-Roma, 1999).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.