Due leggende, Franca e Ignazio Florio: la moda, il lusso, il declino. E una rappresentazione della realtà spesso adulterata

Continuare a riflettere sui Florio non è una scelta casuale, ma il desiderio di approfondire le riflessioni su questa famiglia, grazie alla documentazione che si è resa disponibile, per andare alla radice dei percorsi che hanno contribuito a costruire il loro mito che resiste e che si è consolidato in questi ultimi anni in letteratura.

Un mito che si autoalimenta con il desiderio di rivivere i momenti più affascinanti di una dinastia che corre consciamente o inconsciamente verso l’autodistruzione, verso il baratro della rovina economica non riuscendo a sintonizzarsi con la profonda trasformazione dell’economia mondiale. La leggenda si costruisce su due pilastri come l’affascinante Franca e Ignazio Florio. Franca con i suoi gioielli – con i suoi splendidi vestiti, con la capacità di vivere i momenti più appariscenti della società che contava in Italia – diventa la protagonista di una splendida favola, anche se sarà costretta per andare a Corte a chiedere alla banca di potere utilizzare i gioielli che le erano stati pignorati. Le cronache mondane palermitane si occupavano dei suoi spostamenti che delle attività imprenditoriali di Ignazio. Quei viaggi tra Roma, Parigi, la Riviera e la Svizzera; i ricevimenti in onore dei Savoia, del Kaiser, dei sovrani d’Inghilterra; le gare automobilistiche e le altre iniziative sportive.

Intorno a questa realtà si costruisce il mito dei Florio con i suoi yacht, le ville, con i giardini, mentre viene passato sotto silenzio la loro attività di imprenditori. Anzi, si accredita la tesi che la fine della Casa sia dovuta ad un vero e proprio complotto antimeridionale. Tesi ampiamente smentita da Rosario Lentini che sottolinea come “appaiono risibili alcune considerazioni sicilianiste sulla fine dei Florio e tra le più ricorrenti, quella secondo cui Ignazio jr. sarebbe stato vittima di un complotto antimeridionale ordito da Giolitti con la complicità della Banca d’Italia e della Banca Commerciale. I dati dicono ben altro: tra il 1894 e il 1902 si registrarono il fallimento del Credito Mobiliare e l’autoconsegna di Florio alla Banca Commerciale per mancanza di liquidità; da quel momento si consuma solo la sua residua credibilità – o meglio – quella del buon nome della Casa”.

In realtà la tragedia della Seconda guerra mondiale aveva posto la sordina al mito, e la famiglia originaria di Bagnara Calabra era presente nella memoria collettiva per la gara automobilistica che porta il suo nome. Gli studi di Romualdo Giuffrida e di Rosario Lentini hanno avuto il merito di riportare alla luce la vicenda Florio dall’ascesa al crollo finale. L’ulteriore articolato studio di Orazio Cancila ha delineato il percorso che ha segnato il declino economico della famiglia. E, soprattutto, ha tranciato alla base il mito che il crollo dei Florio fosse dovuto a responsabilità esogene attribuibile alla politica o alle banche. Le cause del tracollo erano endogene, legate ad errori di management e alla mancanza di comprensione delle profonde mutazioni che stavano interessando i mercati a livello mondiale.
Consolidandosi il mito inizia la seconda fase: la sua strumentalizzazione.

La predisposizione, cioè, di una tavola apparecchiata con pietanze nelle quali miti, mezze verità, falsi più o meno pacchiani sono serviti ai commensali, ai banchettatori più o meno affamati che cercano di saziare la loro fame di verità anche con queste pietanze adulterate.

Lascia un commento
Articolo precedenteDa emigranti a “marchio di qualità”
Articolo successivoI Florio: dalla rimozione all’apoteosi
Ninni Giuffrida
Professore associato di Storia Moderna presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli studi di palermo. La sua attività scientifica ha affrontato diverse tematiche di storia economica, politica e sociale che caratterizzano la proiezione mediterranea ed europea della Sicilia tra il XV e il XX secolo. Fra essi si segnalano i risultati di una indagine su la storia della finanza pubblica siciliana e su l’evoluzione e il funzionamento delle reti del credito. È autore di oltre 100 pubblicazioni in riviste scientifiche e di settore, tra le quali si segnalano: Considerazioni sul consumo della carne a Palermo nei secoli XIV e XV (Roma,1975); Grano contro Ebrei. Un'ipotesi per il riequilibrio della bilancia commerciale siciliana al momento dell'esodo (1492) (Palermo, 2006); Monografie: La Sicilia e l'Ordine di Malta (1529-1550) La centralità della periferia mediterranea (Palermo, 2006); La finanza pubblica nella Sicilia del ‘500 (Caltanisetta-Roma, 1999).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.