Il barocco ibleo nelle sue peculiarità storico, artistiche e architettoniche

Le chiese barocche di Palazzolo Acreide rappresentano un unicum nel panorama artistico ibleo. All’indomani del terremoto del 1693 furono diverse le maestranze e i grandi artisti che contribuirono, attraverso le loro opere, ad arricchire il patrimonio culturale del territorio, lasciando un’impronta indelebile in questo angolo di Sicilia.

Un nuovo Rinascimento che si è espresso in forme architettoniche e artistiche ancora più fastose, dopo che la furia distruttrice del sisma aveva provocato una cesura netta con il passato, cambiando radicalmente il paesaggio antropico.

I protagonisti di questa stagione di rinascita artistica, così dinamica e fastosa, furono capimastri e architetti come Giuseppe Ferrara, Fra’ Michele da Ferla, i Mastrogiacomo, Rosario Gagliardi, Francesco Paolo Labisi, Giovan Battista Cascione, Vincenzo Sinatra, Luciano Alì, Michelangelo Di Giacomo, per citarne solo alcuni.

Il loro operato andava di pari passo con le maestranze composte da muratori, carpentieri e scalpellini. Questi ultimi, in particolare, ebbero un ruolo molto importante, in quanto diedero libero sfogo ad una ricca e fantasiosa decorazione che si può ancora ammirare nel territorio e a Palazzolo Acreide in particolare. 
La maestria della loro rappresentazione plastica e volumetrica rimane tutt’oggi la firma esclusiva di questi grandi autori del barocco locale. Un barocco che, seppur periferico e lontano dai principali centri di irradiazione culturale, presenta comunque degli elementi unici.

La scena artistica iblea, negli anni della post-ricostruzione, fu anche un luogo in cui si confrontarono pittori e artisti provenienti soprattutto da Palermo, come Vito D’Anna, Giuseppe Crestadoro e Gioacchino Gianforma che, oltre a realizzare le loro opere, influenzarono con la loro conoscenza il panorama artistico locale.

Palazzolo Acreide ritornò ad essere, nel XVIII secolo, un importante punto di contatto e confronto tra gli artisti che vi operarono così come lo era stato nel corso del XV secolo quando ospitò due grandi pilastri del Rinascimento italiano e meridionale in particolare: Antonello da Messina e Francesco Laurana.

Lascia un commento
Articolo precedenteKim Ki-duk, il serial painter del nuovo millennio
Articolo successivoRipensare il tempo storico alla luce della pandemia Covid-19
Avatar
consegue la laurea triennale nel 2005 in Scienze dei Beni Culturali indirizzo archivistico-librario presso l’Università degli Studi di Catania. Nel 2007 frequenta un corso di formazione regionale ricevendo l’attestato in Esperto in Archiviazione. Nel 2009 consegue la laurea specialistica in Valorizzazione dei Bei Archivistici e Librari. presso l’Università degli Studi di Catania. Nello stesso anno lavora come responsabile degli allestimenti museali presso il Centro Espositivo Museale Palazzo Rizzarelli Spadaro di Palazzolo Acreide. Nel 2010 è tra i soci fondatori del Centro Studio Ibleo, con sede a Ferla, occupandosi dell’organizzazione di mostre e convegni e della stesura di progetti al fine di rivalutare il patrimonio storico-artistico dell’area iblea. Nel 2012 consegue il diploma del master universitario di II livello in Libro, Documento e Patrimonio Antropologico. Conservazione, Catalogazione e Fruizione, presso l’officina di studi Medievali di Palermo. Nel 2013 è autore, insieme alla Dott.ssa Claudia Giordano, del volume Antico Ricettario del Val di Noto, pubblicato dall’Officina di Studi Medievali di Palermo. Nello stesso anno il libro ha ricevuto un riconoscimento per il suo valore scientifico da parte dell’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) durante la rassegna L’Italia delle tipicità. Nel 2015 è coautore del libro Viaggio nelle Terre di Hyblon pubblicato dalla De Arte, con un capitolo sul patrimonio artistico dell’area iblea. Attualmente insegna Sostegno a Torino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.