Home Scienze Umane SLAM, LA POESIA D’OGGI

SLAM, LA POESIA D’OGGI

394

Dai primi anni ’80, quando Marc Smith, in quel di Chicago, organizzò la prima vera serata di letture poetiche condivise, la poesia slam ne ha fatto di strada: un duello senza spade né armature, un incontro/scontro a suon di rime ed emozioni, una poesia che torna alle origini sposandosi però perfettamente con l’esigenza tutta contemporanea di comunicare e relazionarsi con gli altri attraverso la voce, il viso, il corpo.

Si parta dal termine Slam e dal suo significato di “sbattere, chiudere violentemente” per comprendere come i versi di questi poeti mirino a scuotere il pubblico, ad inserirlo nella Temporary Autonome Zone, in quella sfera immaginaria di cui protagonisti sono solamente la voce del poeta/performer e l’attenzione del suo pubblico.

Giunto in Italia nel 2001, grazie soprattutto a Lello Voce (poeta, performer e scrittore, fondatore del Gruppo ’93), lo slam mostra subito la sua struttura caratteristica: una gara tra poeti, cinque persone estratte tra il pubblico a far da giudici, un Master of Cerimony a dirigere la competizione. Il successo è notevole, la poesia è nuovamente vicina a tutti; ben presto le sfide diventano internazionali, proprio grazie a Voce, con poeti di cinque lingue diverse (nel 2002, a Torino), e, quasi conseguenza naturale, viene fondata la LIPS, la Lega Italiana Poetry Slam, che dal 2013 si occupa di organizzare annualmente campionati locali, regionali e nazionali.

Una poesia vicina ed aperta a tutti, una lingua familiare, parlata prima che scritta, musicale, versi che riportano ad una tradizione prettamente orale, non destinati a cerchie elitarie ma a chiunque abbia voglia di poesia: sta tutto qui il successo dei poeti/performers slam, molti dei quali vantano readings, tour nazionali e, soprattutto, la capacità di riportare la poesia alle orecchie di lettori troppo poco attenti.

Dagli schemi-non-schemi della poesia Slam, uniti al modello bukowskiano, alla libertà pretesa dalla Beat Generation e alla tematica amorosa di Prévert, nascono i versi dell’ormai famoso Guido Catalano. Il torinese “poeta professionista vivente” svolge centinaia di readings all’anno ed ha all’attivo otto pubblicazioni ufficiali: è il performer per eccellenza (a volte incaricato di ricoprire anche il ruolo di Master of Cerimony) e la sua poesia viaggia sia sulla carta che sugli schermi di smartphone e tablet, riuscendo a conquistare lettori (e followers) d’ogni tipo. La musicalità, la lingua mutuata da quella d’ogni giorno, la tematica sentimentale fanno di Catalano un perfetto poeta/slammer contemporaneo.

 

Il poeta, una cosa.
Una cosa deve fare il poeta
non è che sia un lavoro così difficile, il poeta
il poeta, non è che sia un mestiere così complesso
perché al poeta, signori
gli si chiede una cosa che è una
al poeta gli si chiede
siediti
mettiti comodo
e scrivine una bella
ecco cosa deve fare il poeta
il resto, tutte minchiate

[…]

 

Da Il poeta in Ogni volta che mi baci muore un nazista di G. Catalano

Lascia un commento