Home Scienze Umane “IL SECONDO AMANTE DI LUCREZIA BUTI”: LA SINGOLARE AUTOBIOGRAFIA DANNUNZIANA

“IL SECONDO AMANTE DI LUCREZIA BUTI”: LA SINGOLARE AUTOBIOGRAFIA DANNUNZIANA

1305
0

Noto come l’unico testo “autobiografico” di Gabriele D’Annunzio, “Il secondo amante di Lucrezia Buti” è scrigno di sorprendenti informazioni, più che sulla vita dell’intellettuale pescarese, sulla sua maniera di intendere il ricordo, la memoria e, in generale, l’autobiografia.

Tra il 1874 e il 1881, D’Annunzio è collegiale al convitto Cicognini di Prato e, proprio lì, viene a conoscenza dell’eccezionale vicenda quattrocentesca di Filippo Lippi, pittore e cappellano al convento di Santa Margherita, e di Lucrezia Buti, monaca del medesimo convento. La fuga dei due, la nascita del figlio, l’impossibilità del matrimonio e, soprattutto, il divenire di Lucrezia unica e sola modella immortale per i dipinti del Lippi esercitano in D’Annunzio un fascino particolare. Non è un caso, così, che, visitando ripetutamente il Duomo di Prato allo scopo di ammirarne gli affreschi, egli si autoproclami il “secondo amante” della Buti (il primo, fuor di dubbio, è il Lippi).

Ma deluso rimarrà quel lettore che si aspetterà un racconto dettagliato dell’esperienza pratese: nessun evidente criterio cronologico, nessun memoriale del D’Annunzio sessantenne, un racconto che segue semplicemente l’eco di ricordi passati, che li percorre attraverso la produzione letteraria dello stesso autore e non solo. L’autobiografia de “Il secondo amante di Lucrezia Buti” è la sovrapposizione di vita e scrittura dell’autore che scrive di sé: un’idea che si allontana dal classico “racconto della propria vita”, un’idea che prevede l’intrecciarsi di citazioni e riferimenti a precedenti opere dannunziane e ad opere che fanno parte della preziosa biblioteca dello scrittore.

Il risultato a cui approda D’Annunzio, qualsiasi fosse la sua intenzione iniziale (per cui si potrebbe solo procedere per ipotesi), è la fusione di fonti e testi eterogenei che tuttavia, grazie alla sapienza dell’autore, si rivela priva di fratture interne e si colloca all’interno di un’architettura coerente e stilisticamente curata, permettendo al lettore di conoscere l’autore mediante le sue più care opere.

Lascia un commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.