Home Eventi Un viaggio nell’antichità, con lo sguardo al futuro

Un viaggio nell’antichità, con lo sguardo al futuro

66
0

Riapre il primo piano al Museo archeologico Antonio Salinas

Un viaggio nell’antichità tra metope, vasellame, iscrizioni. E statue: tra tutte, la Menade Farnese, Eracle Nel Giardino Delle Esperidi (che ritrae l’eroe a riposo dopo aver compiuto una delle sue fatiche) o l’Ariete di Bronzo (che, insieme a un gemello distrutto durante il 1848, era a guardia della porta del Castello Maniace).

Un percorso, allestito nelle sale del primo piano del Museo archeologico regionale Antonio Salinas, che si è concretizzato con la mostra “Quando le statue sognano. Frammenti da un museo in transito”, riaprendo le porte ai visitatori dopo un lungo periodo di restauri. Uno spazio aperto e dinamico, quello che rinasce: un cantiere culturale sempre più in divenire e in dialogo con il territorio e i visitatori.

La mostra rappresenta, come ha affermato il direttore del Salinas, Caterina Greco: “un risveglio da un lungo e immobile letargo, durante il quale le opere si attardano a sognare la loro vita passata e a immaginare quella futura”. Un incontro tra antico e moderno, in cui “la memoria è racchiusa all’interno un’esposizione intorno a certi ambienti, fin qui mai aperti, e ad alcuni frammenti delle collezioni, al momento non esposti. È una maniera per mettere l’accento non più sul vuoto e su un’attesa, ma sulla capacità di tirare fuori altre possibilità e contenuti”, ha sottolineato il dirigente generale dei Beni Culturali, Sergio Alessandro. La mostra trova una concretizzazione nella la sinergia delle istituzioni regionali, determinate a  valorizzare il patrimonio culturale, museale e archeologico siciliano.

“In questi giorni verrà aggiudicata la gara per l’allestimento di altri spazi all’interno del Salinas.  Daremo 280 giorni – ha concluso il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci – alla ditta per eseguire i lavori. Quindi, sostanzialmente, nell’autunno del prossimo anno il museo si mostrerà in tutta la sua nuova veste e lo stesso impegno stiamo profondendo per gli altri spazi museali”.
“Quando le statue sognano. Frammenti da un museo in transito” rappresenta, come ha sottolineato la curatrice, Helga Marsala: “un compendio di reperti, documenti, forme visionarie e molteplici, incastrati tra loro secondo logiche non conformi. Tutto ciò ha a che fare con un’idea di narrazione interiore, tra cortocircuiti temporali, contaminazioni e accostamenti, immaginati lungo una linea sensibile, concettuale ed estetica, non didascalica né cronologica”.

 

Lascia un commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.