Home Eventi Ultimanza, quinta edizione del Festival delle letterature migranti

Ultimanza, quinta edizione del Festival delle letterature migranti

140
0
Festival delle letterature migranti 2019 - Palermo

Verso una casa per scrittori, studiosi, traduttori

La parola chiave di questa edizione è “Ultimanza”. Un neologismo con valore insieme di  constatazione ed esortazione. In tempi in cui è forte la sensazione di essere gli ultimi a fare, vedere, sentire qualcosa – si pensi all’emergenza planetaria – “ultimanza” è però anche l’esigenza di riavvolgere il nastro, di indossare panni altri dai nostri, di guardare con nuovi occhi.

Parte oggi e si snoda fino al 13 ottobre a Palermo la quinta edizione del Festival delle Letterature migranti, promosso dall’omonima associazione insieme al Comune di Palermo, alla Regione, all’Università e a numerosi enti pubblici e privati e diretta dal giornalista e scrittore Davide Camarrone.
A questo neologismo, quasi come un codice da decifrare, si affiancano due numeri. Date cruciali per chi voglia comprendere il presente, iniziano e concludono una parabola di 450 anni.
Nel 1492, Ferdinando e Isabella, sovrani di Spagna e di Sicilia, emanano l’editto di espulsione degli ebrei dal Regno. In Sicilia, terra della più antica e cospicua migrazione ebraica, migliaia di famiglie sono costrette a lasciare le proprie case, come avverrà, secoli dopo, con lo scempio nazista. Nel 1942, a Berlino, un gruppo di gerarchi metterà a punto la “Soluzione finale” alla questione ebraica, avviando una vera e propria macchina dello sterminio.
Intorno a questa parola e a queste date si confronteranno scrittori, studiosi, traduttori ma anche artisti, attori, musicisti  per dare forma alle cinque sezioni del festival: letteratura, arti visive, cinema, teatro e musica (www.festivaletteraturemigranti.it).

Significativamente, dopo la presentazione mattutina alle scuole, il festival si inaugurerà questo pomeriggio alle 18 a Villa Trabia, dove un sogno a lungo coltivato sta per avverarsi: la casa della letterature. Un luogo fisico che farà da presidio stabile a cittadini, scrittori e traduttori della città, dell’Isola e dell’area euro-mediterranea.Sono oltre cento le personalità protagoniste di questa quinta edizione dedicata a Primo Levi, nel centenario dalla nascita, e a due intellettuali siciliani scomparsi di recente: Andrea Camilleri e Sebastiano Tusa. Trenta saranno gli autori tra giornalisti, scrittori, traduttori e saggisti del programma letterario e mille gli studenti di ogni età – dalla scuola dell’infanzia ai banchi dell’Università – ai quali saranno dedicati incontri, laboratori e seminari e che diventano centrali nella visione del festival.

Un’esperienza che si snoda tra luoghi pubblici e privato, che intreccia linguaggi differenti e che, attraverso l’arte urbana, arriva alle strade, “tocca” la gente. Ecco che cartelloni utilizzati per la pubblicità diventano sala espositiva diffusa, ponte narrativo tra centro e periferie di Palermo. Un esperimento in sinergia tra pubblico e privato (con il sostegno di Alessi pubblicità) che raccoglie sette lavori esposti in decine di copie. In mostra opere che interpretano nel linguaggio dell’arte i due temi del Festival 2019, realizzati da #ditosinistro (Francesco De Grandi), Fare Ala + Wu Ming 2, Daniele Franzella, LUSSI, Roberta Mazzola e Azzurra Messina.
“Chi ha storia non ha paura. Il programma di quest’anno – dice il direttore artistico del Festival delle letterature migranti, Davide Camarrone – offre molti spunti. Tanti autori capaci di raccontarci l’Europa, il Mediterraneo. Palermo sta cambiando: è la quinta edizione e siamo ad un punto di svolta. Andiamo verso la Casa delle letterature, che nascerà presto e guarderà alla nostra città, alla Sicilia, ai paesi che si affacciano sul grande mare comune, al continente Mediterraneo. I ringraziamenti sono tanti. Innanzitutto, a chi crede ancora nel valore della letteratura”.

Lascia un commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.