Da schiavista a predicatore e attivista per i diritti dei neri. A John Newton è sopravvissuta più di ogni cosa la sua “Amazing grace”, inno alla vita da uomo libero

La verità è che queste due parole – Amazing grace – sono impossibili da tradurre. O meglio: tradurle è possibilissimo, e in italiano suonano come “grazia straordinaria”.

Un grosso pezzo di senso però, come accade per ogni traduzione, viene meno. Perché quest’opera del Settecento inglese – uno degli inni sacri ancora oggi più diffusi, su cui si sono esercitate fior di voci – è un lavoro dell’anima, un inno alla libertà. Basta fare scorrere dalla bocca al cuore queste due parole, e i suoni che evocano, per accorgersi che contengono un mondo intero.

A scriverla fu il pastore anglicano John Newton nel periodo in cui era approdato a una vita in cui probabilmente aveva imparato ad amare, mettendosi nei panni delle persone che, una volta, trasportava come schiavi. Non dev’essere stata un’esistenza facile, la sua. Orfano di madre a 6 anni si imbarcò a soli 11 anni, insieme al padre, per affrontare una vita di mare rude e priva di tenerezze. Fece carriera: e a diciott’anni aveva già la sua posizione come proprietario di schiavi e di una piantagione di Jamaica. Ma, ancora una volta, il richiamo del mare fu più forte: prima a servizio di un mercante non autorizzato, poi continuando a espandersi da solo, sempre in questo macabro traffico di schiavi.

Le riflessioni di John Newton non sono lineari. La sua è una coscienza che matura nel tempo, andando avanti e tornando indietro. E se all’inizio abbraccia un provocatorio ateismo, attinge alla preghiera nei momenti di difficoltà o di malattia. Prega anche perché il Signore lo metta in una via diversa da quella del commercio di uomini, ma continua a guadagnarsi da vivere in questo modo.

Fu l’avvicinamento alla spiritualità, la malattia o il disgusto per quella vita a invertire la rotta del negriero?

Accade. E con occhi finalmente nuovi John Newton riesce a vedere, vedere per la prima volta davvero, forse, i ceppi, le catene, le torture. Gli uomini ammassati uno sull’altro “come libri su uno scaffale”, e spesso trovati morti, in un mucchio ripugnante. E le sferzate, e i serrapollici per sedare le frequenti rivolte. Vede la laidezza, John Newton, e se ne sente responsabile. L’ex schiavista diventa prete anglicano nella comunità di Olney nel Buckinghamshire.

Da questa esperienza nasce l’innario di Onley, scritto  insieme al poeta Newton e Cowper. La prima edizione, pubblicata nel 1779, che oggi chiameremmo un successo discografico, conteneva 68 cantici scritti da Cowper e 280 da John Newton.
Sembra che Amazing Grace venne pensata e composta per uno di questi incontri di preghiera. Ritrovata la libertà di amare, Newton componeva, scriveva. E soprattutto testimoniava quella tratta di cui per tutta una vita era stato complice.

Nel 1780 lasciò Onley per stabilirsi a Londra dove divenne rettore. Il suo “Pensieri sul commercio degli schiavi africani” ebbe una vastissima eco, e soprattutto influenzò quel William Wilberforce che avrebbe guidato la campagna per l’abolizione della schiavitù.
Una strofa di Amazing Grace recita: I once was lost, but now am found. Was blind but now I see.
La notizia dell’abolizione del commercio e del trasporto degli schiavi in territorio inglese arrivò nel 1807, quando Newton era cieco e prossimo alla morte.

Eppure, finalmente, in quegli ultimi giorni sulla Terra, John ci vedeva benissimo.

Lascia un commento
Articolo precedenteLe ultime parole di un dago
Articolo successivoLa storia, il razzismo e gli Stati Uniti
Alessia Franco
Alessia Franco (Palermo, 1976) si è laureata in Scienze della comunicazione nel 2001. Giornalista professionista dal 2002, si occupa di cultura, spettacolo e costume collaborando con diversi periodici, radio e curando uffici stampa. Tra i suoi libri, principalmente dedicati alla narrativa per ragazzi, L’isola del vento (2012), Le catacombe del mistero (2013), Raccontami l’ultima favola. Giorgio Boris Giuliano, commissario e cantastorie (2016) e Con lo sguardo in su (2019).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.