Tucidide e la peste ad Atene, l’infezione nel Trecento: i segni anticipatori di una difficile gestione tra alto e basso

La gestione del Covid 19 – nelle sue diverse fasi fino, a quella attuale della persistenza della pandemia e della somministrazione dei vaccini – ha coinvolto e coinvolge poteri nelle loro più differenti tipologie.
Si tratta di poteri centrali, periferici e locali, titolari di giurisdizione; poteri civili ed ecclesiastici; pubblica amministrazione; magistratura; corpi professionali che esercitano funzioni nel sistema sanitario;  autorità non formalmente riconosciute, ma comunque influenti perché protagoniste della ricerca scientifica in campo medico (virologi, pneumologi, biologi, eccetera), quindi capaci di orientare le scelte del potere politico e dell’amministrazione pubblica in materia sanitaria; il sistema dell’informazione che, soprattutto attraverso i social media, esercita notevole influenza nella formazione del senso comune.

Per affrontare il tema della gestione dei poteri nelle pandemie a partire dalla nostra storia presente bisogna dunque, in prima istanza, prendere atto della sua complessità derivante sia dalle molteplici articolazioni, come si è prima considerato, sia dalla disposizione bidirezionale dello sguardo. La gestione dei poteri va cioè analizzata dall’alto e dal basso: tanto nella macrofisica dei poteri pubblici e dei corpi professionali che nella microfisica dei poteri che, dall’interno e dall’esterno, disciplinano le reazioni e i comportamenti individuali e collettivi di fronte alla pandemia. 

La vera e propria giungla di poteri concorrenti sul territorio si fa ancor più intricata, quindi, quando va ad intrecciarsi con i poteri esercitati dai persuasori più o meno occulti dei social media che introiettano nei cittadini spesso fake news: informazioni apparentemente verosimili ma in realtà false, teorie complottiste, facili bersagli polemici, e via discorrendo.
L’intricata rete di poteri ne rende quindi assai problematica la gestione sia dall’alto che dal basso. Se “disciplina” vuol dire la convergenza – la corrispondenza, cioè, fra la capacità di comando da parte dell’autorità e la disponibilità all’obbedienza da parte dei governati – se ne deduce che la disciplina della pandemia oggi risulta di difficile realizzazione.

L’incontro fra l’alto e il basso non si raggiunge infatti facilmente soprattutto perché condizionamenti, disorientamento, spaesamento caratterizzano i comportamenti individuali e collettivi di fronte alla pandemia. Insomma analizzare il potere e i poteri come quell’insieme di tecniche che passano nel corpo sociale, secondo la visione di Michel Foucault, (M.Foucault, Microfisica del potere. Interventi politici, Torino, Einaudi 1977), oggi diventa sempre più complicato e problematico.

Se confrontiamo la storia presente con quella passata delle pandemie, ci accorgiamo che – a fronte delle trasformazioni attuali, prodotte soprattutto dal progresso medico-scientifico, dalle innovazioni tecnologiche e infrastrutturali, dall’evoluzione delle professioni sanitarie, da un maggiore radicamento dei valori della modernità nei comportamenti individuali – permangono caratteri ricorrenti proprio sul terreno della gestione dei poteri.  

Si può partire dalla mirabile descrizione della peste di Atene offerta da Tucidide. Come non pensare, ad esempio, a Wuhan, alla difficoltà di stabilire il termine a quo del Coronavirus, quando si legge la pagina del grande storico greco che racconta della controversa origine dell’epidemia, delle più svariate e fantasiose ipotesi sulla sua genesi? Tucidide riferisce del disprezzo delle leggi, guarda le istituzioni che implodono e sono travolte dalla peste. Con acutezza coglie l’intreccio fra la paura, la ricerca spasmodica dell’effimero e del piacere, l’annullamento di tutti i freni inibitori.  

La paura torna nella pestilenza a metà del 1300. Un cronista di Spalato descrive assai efficacemente gli effetti psicologici del terrore che coinvolge la popolazione, un terrore determinato dalla convinzione che potenze naturali e infernali congiurino per sterminarla: “A quel tempo l’aria era infetta e diventata oscura e fosca. E molte parti del mondo erano infette dal mortifero morbo epidemico. Il sole era diventato tenebroso a mezzogiorno e le stelle come di notte si mostravano in cielo.

La luna velata e tetra era soggetta ad eclissi. Una stella cometa con una gran coda apparve scintillando in cielo ad occidente e le altre stelle si vedevano cadere a terra dalla loro posizione in cielo. Il cielo si mostrava aperto e da quella apertura un fuoco celeste sfolgorante usciva ardendo con fiamma orrenda e con luce abbagliante, apparendo di notte a tutto il mondo. Un grande terremoto dominava in molti luoghi terribilmente, per cui molti edifici rovinavano in pezzi a terra. Venti furiosi soffiavano in diversa direzione premendo e fischiando con grandissimo impeto.

Il mare burrascoso e gonfio si sollevava alto rumoreggiando senza posa e tutti gli elementi davano segni dolorosi e tristi. Camminando di notte intorno alle mura della città ululavano a gran voce innumerevoli lupi rapaci che, assetati non di altro che di sangue umano, non più con occulte insidie ma apertamente facevano irruzione nelle case dei villaggi e dal grembo delle madri strappavano i bambini e assaltavano in schiera compatta non solo bambini, ma anche uomini armati, li dilaniavano con denti micidiali e divoravano molti cadaveri scavandoli dalle sepolture: sembravano non lupi o fiere ma demoni.

Cuculi e gufi, posati sopra le case, cantavano lacrimevoli cantilene; pipistrelli nidificavano in gran copia nelle case e squittivano nei templi. Corvi innumerevoli volando di giorno sopra la città gracchiavano con grande strepito. Anche nibbi e avvoltoi, in fitti stormi, stridevano alti in cielo e molti altri uccelli silvestri e vari animali bruti quadrupedi, avvicinandosi dal bosco alla città in enorme quantità, davano gran numero di segni prodigiosi.

Le furie infernali Aletto, Tisifone, Megera, uscendo dalle paludi stigie, in molteplici e varie forme apparivano agli uomini sulla terra di giorno e di notte più e più volte, terrorizzandoli sensibilmente, tanto che molti, vedendole, perdevano il senno e diventavano muti e senza parola e per questo terrore diventavano deficienti (P. Preto, Epidemia, paura e politica nell’Italia moderna, Roma-Bari, Laterza, 1987, pp. VI-VII).

Ma, oltre a questi segni, incubi, fantasmi, oltre la distruzione materiale di uomini e cose, oltre l’intreccio fra carestia, morbilità e crisi economico-sociale, elementi tutti che ricorreranno nei secoli successivi, la pandemia del Trecento produce anche effetti presagio di sviluppi alle radici della modernità: l’esigenza di una gestione politica dell’epidemia; la limitazione del mercato delle merci nelle aree del contagio; i controlli sanitari; la difesa nei confronti delle cosiddette “classi pericolose”; l’esigenza di un’autorità sanitaria centralizzata, uno dei fattori genetici dello Stato moderno; la nascita degli ospedali, insieme nosocomi e strutture assistenziali, il controllo dell’esercizio della medicina e delle arti paramediche.

Lascia un commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.