Home Eventi Vivere da nobili nella Palermo antica, o della fascinazione sulla via della...

Vivere da nobili nella Palermo antica, o della fascinazione sulla via della storia

0

La nuova pubblicazione di Palermo University Press domani alle 17 allo Steri

Quando si fa ricerca d’archivio, è noto, nella stragrande maggioranza dei casi si incappa in documenti non previsti, che aprono percorsi affascinanti e inaspettati.

Così è accaduto anche a Luisa Chifari e Ciro D’Arpa, architetti del Centro regionale progettazione e restauro e autori del volume “Vivere e abitare da nobili a Palermo tra Seicento e Ottocento“, edito da Palermo University Press, che verrà presentato domani, venerdì 10 gennaio, alle 17, alla Sala delle Capriate dello Steri.
Un viaggio a ritroso del tempo, impreziosito dai contributi di Gioacchino Lanza Tomasi e Maria Concetta Di Natale (quest’ultima direttore della collana Artes, in cui è inserita la pubblicazione), che ha portato gli autori a una vera e propria fascinazione sulla via… della storia.

È stato davvero un lavoro durissimo, che va avanti dal 2016, sia per le condizioni critiche in cui si trovavano i documenti sia per l’uso di termini arcaici, che abbiamo dovuto smorfiare nel vero senso della parola. Però – confessa Luisa Chifari – adesso non riesco più a guardare Palazzo Mazzarino con gli occhi di una contemporanea. Immagino mobili, suppellettili e tutto quello che è stato riportato negli inventari”.

Vivere e abitare da nobili a Palermo tra Seicento e OttocentoOggetto di analisi sono stati, infatti, gli inventari testamentari e patrimoniali che i Branciforti, principi di Scordia, fecero stilare nell’arco di tre secoli (XVII-XIX) per garantire la trasmissione, di generazione in generazione, dei beni di famiglia. Oltre a creare un prezioso database, il lavoro ha portato a delineare una vera e propria storia dell’arte e del costume locale attraverso mobili, abbigliamento, tappezzerie.

Non soltanto quelli che si trovavano a Palazzo Mazzarino – continua l’autrice – ma anche gli oggetti disseminati nelle case di campagna, ad esempio. È stato emozionante trovare testimonianza del tipo di mobile descritto minuziosamente nell’inventario in luoghi come Palazzo Mirto. È riemerso un mondo di  oltre 7.500 dati estrapolati da nove diversi elenchi che vanno dal 1611 al 1964″.

Il volume è articolato in due parti: la storia di Palazzo Mazzarino attraverso questo specialissimo punto di vista e una seconda parte composta da monografie su mobili, stoffe, gioielli.

“È doveroso – conclude Luisa Chifari – ringraziare gli attuali proprietari del palazzo, Marida e Annibale Berlingieri, per la loro completa ed entusiastica disponibilità a far si che la loro dimora sia ora un patrimonio di conoscenza e bellezza per tutti”.

Sala delle Capriate – Palazzo Steri Palermo http://cerere.astropa.unipa.it

 Ma un ringraziamento va anche agli autori, che hanno restituito, e non soltanto alla comunità scientifica, una storia inedita. Raccontata silenziosamente dagli archivi.

>> Leggi tutto il programma

 

Lascia un commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.