Home L’editoriale

L’editoriale

AURELIO MUSI 

Il nostro blog da oggi compie un salto di qualità: si presenta più accattivante e piacevole nella veste grafica, con più informazioni interattive, soprattutto con un’offerta culturale più ricca e articolata.  

Ma è soprattutto nei suoi contenuti che L’identità di Clio, pur conservando e anzi meglio sviluppando i suoi caratteri originari e originali, intende proporre alcune significative innovazioni. I due attributi, originari e originali, non sono qui usati a caso. Essi costituiscono un’endiadi. Perché questo blog, fin dalla sua origine, si è voluto presentare ai suoi lettori ed utenti con una sua precisa fisionomia: affrontare temi e questioni che hanno a che fare con la dimensione della storicità; segnalare e discutere libri importanti e utili per l’aggiornamento non solo degli operatori di settore (docenti di scuola e di università), ma di tutta quella platea di lettori che una volta si chiamavano “persone colte”; coniugare passato e presente attraverso l’attenzione su questioni di stringente attualità (valga come esempio il dibattito sulla istituzione della giornata per le vittime dell’Unità); presentare interventi e articoli brevi, con linguaggio semplice, chiaro e accessibile, privo di qualsiasi stile e modi di comunicazione accademici.   

Abbiamo inoltre identificato alcuni campi di particolare interesse come il rapporto fra storia e fiction, che ha avuto uno straordinario successo fra coloro che ci seguono. Essi hanno pure mostrato di apprezzare un genere che, nell’ultimo periodo, abbiamo frequentemente utilizzato: quello delle “interviste impossibili”.  

Gli obiettivi realizzati sono motivo di orgoglio per chi aveva intrapreso questa avventura come una scommessa. E costituiscono l’originalità del nostro blog che oggi si presenta ancora come un “unicum” nell’offerta non tradizionale dei prodotti della conoscenza storica, anche per il numero di visualizzazioni (alcune decine di migliaia) e per la loro estesa geografia anche fuori dell’Europa. 

Vogliamo naturalmente andare avanti. Nuovi contenuti, nuovi link, offerta di prodotti audiovisivi, possibilità di interagire con facebook, twitter, istagram, ecc. perfezioneranno L’identità di Clio 

Ma, soprattutto, saremo più e meglio attivi su temi di attualità, con l’obiettivo di trasmettere l’idea di un presente continuamente storicizzato e non composto di schegge, frammenti, attimi fuggenti privi di senso